Il Delta del Po è un’area riconosciuta Riserva della Biosfera del Programma MAB dell’UNESCO

Oltre ad iscrivere siti nella lista del Patrimonio Mondiale, l’UNESCO assegna anche, nell’ambito del Programma “L’Uomo e la Biosfera” (MAB), la qualifica internazionale di “Riserva della Biosfera” ad aree di ecosistemi terrestri, costieri e marini in cui, attraverso un’appropriata gestione del territorio, si associa la conservazione dell’ecosistema e della sua biodiversità ad un uso sostenibile delle risorse naturali, a beneficio delle comunità locali. In esse si svolgono inoltre attività di ricerca, di monitoraggio, di educazione e di formazione, nonché di scambio e di promozione all’interno della rete mondiale delle Riserve della Biosfera.

L’UNESCO si aspetta che il Delta del Po, come tutte le Riserve della Biosfera, sia un pioniere, un modello di sostenibilità. Questo evento va proprio in quella direzione, dal momento che promuove eco-design e green economy a partire dalla valorizzazione di quello che già nel Delta sta succedendo in tale direzione.
Philippe Pypaert, Ufficio UNESCO di Venezia

Queste sono le attività sulle quali dovremo lavorare nei prossimi anni
Stefano Fracasso, Direttore GAL Delta del Po

È ora che il Polesine si impadronisca del suo Delta agli occhi del mondo
Ing. Lino Tosini, Direttore Fondazione Ca’ Vendramin

L’Italia dovrebbe tornare a essere come il barcone sul Po: un battello lieto, pieno di luci che illuminano la notte e di voci che contagiano d’allegria il paesaggio intorno. Gente civile e innamorata, da questa bisogna ripartire per rifondare la società, facendo leva sui cittadini per bene
Ermanno Olmi